mercoledì 24 agosto 2011

Io, me & Roman


Quante cose bollono in pentola?
Nella mia, intendiamoci.
Parecchie.

Iniziando (questo discorso vago, ma significativo) con le cose più "leggere", conto la riorganizzazione settimanale del Centro Giovani Charlie Brown, il ritorno dei corsi e dei Workshop (tra i quali uno sui concept visivi per magliette), l'inizio dell'Anno Accademico e la conseguente interazione fumettistica in scuole e biblioteche.
Poi c'è la Scuola di Fumetto che sta per raggiungere le due cifre d'esistenza.

L'altra parte del lavoro, quella del "disegno per lavoro", se tutto va come deve andare, m'aspettano un paio di anni di lavoro. Non dico ancora niente per scaramanzia, dato che la faccenda è abbastanza grossa.

Infine c'è il fumetto come lo si intende nell'editoria italiana. Se l'anno scorso non ho fatto molto (partecipazione a qualche antologia) di visibile, quest'anno sarà l'anno del recupero. No, siamo più chiari. Parlo di Lucca.
Quest'anno porto un po di cose:
- una partecipazione ad una antologia (un classico)
- una partecipazione ad un progetto collettivo (chi mi conosce già lo sa)
- una combo a 8 mani in ottima compagnia (roba tostissima)
- una pubblicazione mia (della quale presto parlerò)

Insomma, cosa da fare ce ne sono e posti da visitare pure. M'aspetta un viaggio di lavoro in Kossovo, uno a Roma, poi Lucca e poi altre date per presentazioni e spettacoli teatrali. Ah si... gli spettacoli. L'anno scorso, in compagnia di Chiara, sono stato a Roma e a Copenhagn a mettere in scena il nostro spettacolo (la saga delle leggende ladine FANES) di storytelling visivo. Proprio in questi giorni stiamo lavorando ad un seguito che tratta sempre di leggende alpine. Lo porteremo a Roma e poi... chissà, magari in giro per il mondo.

Bene... mi son sicuramente dimenticato di qualcosa, ma questo post mi è utile per non perdere di vista il tutto.

2 commenti:

Till ha detto...

Insomma, tanta carne al fuoco! anche se mi incuriosisce molto l'accenno al "disegno per lavoro", che per te sarebbe un bel punto di arrivo e ripartenza ;-)

in bocca al lupo!!

Armin Barducci ha detto...

hihi, non è che il disegno sia il mio lavoro, ma "disegno per lavoro" sta per "disegno delle cose che poi mi vengono pagate"... molto differente da "disegno dei MIEI lavori e faccio l'autore e non vengo pagato". :P