sabato 31 maggio 2014

Misantromorfina p.65 v1SP

"Senza dinamica." (Misantromorfina p.65 v.1SP)

Da oggi posterò sul blog delle tavole (al 80% finite) in anteprima tratte da Misantromorfina.
Cadenza: ogni tot.

giovedì 1 maggio 2014

Nello studio e nella mente

Devo ammetterlo. Non aggiorno più il blog. Il perché non lo so... probabilmente sono cambiati i tempi, le masse in rete si sono spostate. Fare un post sul blog è ben più dispendioso che uno sul tumblr o Facebook. In effetti non sono sparito, anzi, aggiorno svariate pagine FB, ho un paio di tumblr, il lavoro nella real life è aumentato a dismisura, sono innamorato... e tante altre cose.
Non so ancora se tenere il blog sia cosa buona. Diciamo che sono un po in crisi, quindi bando alle ciance e dico solo che cambio argomento dato che i link a tutti i miei "altri" luoghi ve li segnalo in fondo a questo post.

Questo è il mio studio. No, sto errando, è il "nostro" studio. Qui ci lavoriamo io e la Suri (colei che ha in mano il mio cuore) e in questi mesi ha subito (e subirà) molteplici variazioni d'arredamento. Ci dobbiamo stare dentro in due ed io comincio a spostare tutte le cose inutili in cantina ed ammetto che non è cosa facile data la mia propensione ad accumulare cose.

Qui invece vediamo la stessa foto solo con un impatto visivo più emozionale e non dimostrativo come quella precedente. Ora il casino non ci vede più con evidenza, anzi... pare che ci siano misteriosi progetti sui tavoli. Invece no, è solo casino. Invece si, è casino, ma sono in effetti progetti. Progetti incasinati.

Ecco la zona Suri, non completa. Ora che siamo in due la progettazione e l'andamento di Underkraut si intensificherà con parecchie cose nuove e con un tocco femminile in più (finalmente!).

Qui invece ci sta la zona della MimiMao. La sua sgualcita poltrona dove ci stalkera mentre lavoriamo e ci culla con il suo russare (si, è ancora bella grassa).

Lo so che questo post non perdona la mia assenza, ma nel frattempo sono successe mille cose. Tra poco ci sarà nuovamente l'Artmaysound, ho tenuti dei corsi in carcere, lo Sketch Crawl va benissimo, il mio centro giovani è affollato, i visual storytelling continuano a manetta sia in Italia che all'estero, l'autopubblicazione continua, le pubblicazioni nell'editoria anche... e tante tante altre cose.

Come promesso, ecco i miei altri luoghi (quelli molto aggiornati):
Eat me Hate me: il mio tumblr di vita vera
Trashioline: sia su tumbr che su FB
Bla Bla Bla: la pagina FB
Sketch Crawlers Bolzano: pagina di FB
Underkraut: blog e pagina FB
Society6: con le mie cose da acquistare

lunedì 10 febbraio 2014

Ci sono degli Sketchcrawlers che si aggirano a Bolzano

Ci mancava. Lo ammetto. Ci/mi mancava un momento di STOP dalla quotidianità e di rivedere vecchi e nuovi amici riunito per disegnare tutti quanti assieme. 
Ma che sarà mai successo?

Inanzitutto è successo che ho finalmente deciso di aggiornare il blog. Non è che stia succedendo nulla, anzi, fin troppe cose, tanto che mi manca il tempo e quando ce l'ho (il tempo) ho un bisogno di fare niente e vivere la vita che non ci riesco. Ok, quindi... che è successo per davvero?

E' successo che la Sbrizz ci ha chiamato in raccolta per organizzare uno Sketchcrawl a Bolzano durante la 42esima giornata di Sketchcrowl mondiale. Io ho chiamato un po di gente ed infine, in un freddissimo sabato pomeriggio, lo abbiamo fatto.

Abbiamo studiato un percorso, degli orari e lo abbiamo fatto per davvero. Tutta la banda comprendeva un po della vecchia guardia di Monipodio!, dei ragazzi del Pascoli, un po dal centro giovani Charlie Brown, dei maestri, i grafittari e i fumettisti.

Ma chi è tutta questa gente?
Eccola: Elisabeth SBRIZZ Busani, Marco K Polenta, Eleonora SURI Bovo, Roberto RX Gionta, Benno Simma, Joana JOJO Preza, Giacomo GIAK Morello, Ilaria ILA Castagnetti, Daniele DANITO Unterfrauner, Riccardo SKIZZO Rizzo, Bone Saune ed io.

Grazie anche al buon Matteo NODO Groppo, abbiamo anche fatto un intervista su tutta l'iniziativa.

Dicevo che mi/ci mancava una cosa del genere. Lo pensavo per tutto il pomeriggio e poi ho scoperto che lo pensavano in parecchi, quindi si è formato un gruppo, abbiamo diffuso la notizia della nostra esistenza.

Si son susseguiti degli inviti in radio, due filmati dell'iniziativa  e qualche altra futura intervista. Poi la voce si è diffusa di più e sono spuntate nuove date e nuove collaborazioni.


1- la 43esima giornata dello Sketchcrawl in Aprile
2- un giovedì delle porte aperte in collaborazione col Museion (Museo d'arte moderna di Bolzano)
3- collaborazione con la rivista di strada "Zebra" dove verranno pubblicati i nostri disegni
4- una mostra dei disegni durante l'ottava edizione di ArtMaySound 2014 in Maggio
5- qualche Sketchcrawl qua e la per passare ore liete

Sono sicuro che le collaborazioni non finiscono qui, dato che questa cosa dello Sketchcrawl sta gasando non solo noi che lo facciamo, ma un sacco di altra gente e noi si cavalca l'onda.

Quindi augurateci un grosso in bocca al lupo per tutte le cose, noi ci divertiremo un mondo nel mappare la nostra città (ed il suo circondario) tramite disegni (ed altro).

Ah... le foto sono tratte dallo Sketchcrawl appena fatto e giusto qui sopra ci sta il mio "arsenale" per disegnare per strada.

martedì 7 gennaio 2014

Step by step di una vignetta

Iniziamo con la sceneggiatura/storyboard di questa vignetta tratta dal REBOOT di "Misantromorfina". Lo scenario è abbastanza semplice. "Deca", il personaggio sulla destra, è in una tabaccheria e sta conversando con i due tabaccai sulla politica. Il discorso è ancora tranquillo anche se zeppo di stereotipi. La tabaccheria, che è anche giornalaio, è ispirata ad una vera tabaccheria di Bolzano e i due tabaccai pure. Sullo sfondo si vede la vetrina che da sulla strada (dettaglio che servirà tra due pagine).

Nel momento della stesura delle matite decido di cambiare tutto. Dato che la sceneggiatura risale a 5 anni fa, volevo attualizzare il tutto. Pre prima cosa ho cambiato inquadratura (togliendo la vetrina che alla fine, fa anche lo stesso se non si vede) rendendola perfettamente frontale. Così facendo mi sono divertito nel rappresentare i giornali presenti sul bancone. I due tabaccai li ho trasformati in indiani Sik. 

L'inchiostrazione ha 3 fasi. Questa qui, la prima, è composta dalla definizione di quali linee devono risaltare e venir ripassate con un pennarello grosso (uno 08).

La seconda fare è quella di ripassare tutto quanto con un pennarello fino (uno 01) e vedere se non ho dimenticato qualcosa da fare con il 08.

La terza fase è quella di dare le "colate di nero" con il pennello e rendere il tutto più organico. 
Assieme a questa fase ci sta anche quella della pulitura delle chine e togliere tutto quello dove ho sbordato.

Fine step by step.

Se ci sono delle domande fatele pure nei commenti.

sabato 4 gennaio 2014

Il reboot di Misantromorfina

Sto disegnando da un mese buono. Ok, non ho mai smesso, ma è da un po di tempo che non dedicavo del tempo ad un progetto tutto mio e... sorpresa, sorpresa, si tratta proprio di "Misantromorfina". Chi ha seguito questo blog forse se lo ricorda. Era il lontano 2008 e stavo iniziando a disegnare Misantromorfini dopo averla sceneggiata tutta. Poi per una sfortunata combinazioni di eventi molto deludenti vissute nell'ambito dell'editoria nostrana, ho smesso di desiderare di voler pubblicare a tutti i costi e di tornare con i piedi per terra per dedicarmi alla vera disciplina del fumetto: "viverci con questo mezzo". 

Ora ci vivo col fumetto senza farlo nel cosiddetto circuito ufficiale. Sto bene, sto meglio. Ho fatto delle esperienze lavorative ed umane che pochi se le sognano. Non sono morto di gobba sul tavolo da disegna, ma ho viaggiato e ho raccontato il mio vissuto. Man mano è arrivato tutto, gli stimoli persi, le pipe mentali si sono ridotte, le cose del passato sono lontane e poco significanti.
Quindi eccomi qua che torno a disegnare in maniera continuativa.
Disegno sempre ed ovunque.

Chi si ricorda "Misantromorfina" noterà un evidente virata del registro estetico. Ho cambiato tutto a parte la storia. Mi ci trovo meglio, mi riesce meglio, lo sento più mio. Disegno senza paranoie e questo mi porta a rinnovare uno stile di disegno che nel frattempo mi sono dimenticato un po per strada. Quindi il momento è propizio.

Tutto quello che appare nella storia fa riferimento ad ambienti reali ricordati a memoria con degli elementi recenti. Una cosa dove espando la mente e ricreo mondi semi-fantastici.
E con questo basta. Torno a disegnare.




mercoledì 25 dicembre 2013

Le 10 cose più odiose del 2013


1- iniziare le "Le 10 cose più odiose del 2013" col paragrafo a sinistra
2- mettere il paragrafo in centro e scoprire che è brutto lo stesso
3- decidere di lasciare paragrafo nel centro
4- cercare di ignorare che il paragrafo è al centro e non riuscirci
5- cambiare stanza senza alcun risultato
6- rimettere il paragrafo a sinistra e pentirsene di nuovo
7- dare la colpa ad internet
8- mettere il paragrafo a destra solo per farsi del male
9- tornare al centro ed odiare tutto
10-

c
e
r
c
a
r
e

d
i

s
c
r
i
v
e
r
e

i
n

v
e
r
t
i
c
a
l
e

e

s
c
o
p
r
i
r
e

c
h
e

è

n
a

g
r
a
n

cagata.

martedì 24 dicembre 2013

Diario Deformato - ANNO 7

Tanti auguri oh mio blogghino. Di anni ne fai 7 e l'ultimo un po sofferto, ma non è ne colpa tua, ne mia. E' la rete che muta.

Il 2013 è stato intenso, tante cose nuove iniziate e tante cose vecchie chiuse e finite.
Non posso che far altro che voler bene, anche a chi di bene non me ne vuole.

Fattostà, la cosa più importante, è la Suri.

venerdì 20 dicembre 2013

"Grimm 3" in scena al Centro Polifunzionale Europa (Bolzano)

Sabato 21 Dicembre, non solo sono in centro di Bolzano a fare dediche sul libro mio e di Selma Mahlknecht (la mattina), ma andrò anche in scena (di pomeriggio) con il più splatter dei nostri (mio e di Chiara Visca) visyual/storytelling:

"GRIMM 3"
- 3 storie - 3 fratelli - 3 prove -

Ore 16.30 (inizio)
Presso il CENTRO POLIFUNZIONALE EUROPA
in Via del Ronco 11
Bolzano/Bozen

FREE ENTRY


giovedì 19 dicembre 2013

Nuova sessione di dediche


Sessione di dediche con Armin Barducci, illustratore del libro "Auf der Lebkuchenstrasse" scritto da Selma Mahlknecht.

Samstag, 21. Dezember | Sabato 21 dicembre
um 10 bis 12 Uhr | dalle ore 10 alle 12
in der Bücherecke | nella libreria L’angolo dei libri
Dr.-Streiter-Gasse 2c, Bozen | via Dr. Streiter 2c, Bolzano




mercoledì 11 dicembre 2013

Quel che fu al Temporany Bookshop

Lo scorso sabato mattina sono stato a fare delle dediche al Temporany Bookshop della Edition Raetia agli avventori e agli acquirenti del libro "Auf der Lebkuchenstrasse" (illustrato da me e scritto da Selma Mahlknecht).

E' stato bello e piacevole e le foto che seguono sono estratti della mattinata, i disegni fatti e due istantanee di Bolzano in questo folle periodo.












lunedì 9 dicembre 2013

Foto della prima presentazione di "Auf der Lebkuchenstraße"

Il tutto iniziò così. Buio.

No ok, scherzo. Ecco come iniziò. La casa editrice Raetia ha organizzato una prima presentazione alla "Galleria Prisma del Südtiroler Künstlerbund (l'associazione atesina artisti) del nostro libro (mio e di Selma Mahlknecht), "Auf der Lebkuchenstraße". Qui siamo (da sinistra a destra) Thomas Kager, io e Selma.

Ad un certo punto m'intrippo con i disegni originali delle illustrazioni che ho fatto. Dato che sono l'anti-disegnatore che ha sono dei anti-originali, mi sono dilettato nello spiegare il procedimento lavorativo per giustificare l'essenzialità dei disegni originali. 

Qua paragoniamo un disegno originale con la sua versione stampata. Giusto per confondere e stupire il pubblico.

Poi Selma fa una lettura di un pezzo del libro assieme a suo marito.

Poi si mettono a cantare tirando fuori un chitarrino piccino piccino.

Questo è quello che andava cantato (come in chiesa).

Poi è finito tutto e tutti eravamo soddisfatti. Ringrazio tutti per l'accoglienza, per la presentazione e la presenza (alla Suri per il sostegno e le foto). 

Dato che sabato scorso ho fatto una sessione di dediche del libro e c'è stata abbastanza affluenza, abbiamo deciso di replicare il 21 Dicembre, sempre al Temporany Bookshop dell'Edition Raetia in via Streiter a Bolzano. Oraro: 10-12.