domenica 30 agosto 2015

Mad Max Fury Road - Scorci dalle terre perdute

Ecco il mio contributo alla mostra collettiva "Mad Max Fury Road - Scorci dalle terre perdute" a cura di Stefano Zattera, Officina Infernale e Giacomo Brunoro.

Locandina ed info:
23/27 Settembre SOTTOPASSO DELLA STUA Padova
Presentazione Venerdì 25 Settembre ore 18
Alberto Ponticelli || Alessando Vitti || AkaB || Andrea Mutti || Antonio Fuso || Ausonia || Armin Barducci || Arturo Lauria Moloch || Dario Panzeri || Dario Arcdidiacono || Dast || Danijel Zezelj || Enrica Eren Angiolini || Fabio Punk Baldolini || Francesco Biagini || Giuseppe Palumbo || Giorgio Santucci || Giorgio Finamore || Giuliano Piccininno || Katerina Ladon || Ivan Hurricane Manuppelli || Marco Kazzemberg Galli || Maurizio Ercole || Massimo Perissinotto || Massimo Giacon || Michele Bertilorenzi || Nicolò Storai || Officina Infernale || Paper Resistance || Ratigher || Roberto Baldazzini || Sergio Ponchione || Spugna || Squaz || Stefano Cardoselli || Stefano Zattera || Tazio Bettin || Tiziano Angri || Zaex Starzax.


AMMIRATELI!

giovedì 27 agosto 2015

Storia di un murales (2010-2015)

2010: era una primavera abbastanza fredda ed io da poco lavoravo per La Strada - Der Weg. Una delle prime cose è stato dipingere una parte di muro del Centro Giovani Villa delle Rose.

Avevo optato un soggetto molto basic, adatto per bambini più piccoli che ai tempi frequentavano in centro giovani. I tentacoli invece li aveva fatti Anzo.

2011: in estate ho tirato su il mio primo laboratorio di murales estivo con i bambini e gli ormai soprannominati "Fantasmini" son stati circondati dai loro dipinti.

2012-2013: nelle due estati seguenti si son susseguiti parecchi laboratori di murales su quel muro. Tanto che nel 2013 ho coperto con una skyline grigio scura i dipinti dei bambini degli anni precedenti per dare loro l'occasione di rifarli.

2014: quasi ogni spazio era stato coperto e i colori originali (vedi il fantasmino rosa in alto che ormai non si vedeva più) si sono sbiaditi davvero tanto.

2015: dopo aver organizzato il consueto laboratorio di murales su di un altro pezzo di muro, ho deciso di restaurare i "Fantasmini" ravvivando i colori. Quello rosso è diventato un arancione scuro e quello rosa è stato coperto da un ballon bianco.

Non contento ho deciso di sistemare anche il muro affianco coprendo i dipinti dei marini con una miriade di balloon. Non ho preso in considerazione che quel giorno stava piovendo...

Inizialmente pensavo che la pioggia non attaccasse la pittura.

Poi è scesa talmente tanta acqua dal cielo e ha combinato sto disastro qui.

Il giorno dopo, dopo essermi assicurato dell'assenza di pioggia, mi son messo giù e ho rimediato al danno decidendo di dare anche una mano di viola alla skyline grigia scuro.

In effetti era la soluzione migliore, dato che così ho ravvivato tutto l'insieme.

Visione dal Fantasmino arancione.

Il risultato finale del restauro del murales che ancoraggi viene chiamato i "Fantasmini".

Conseguenze del mestiere.


martedì 25 agosto 2015

domenica 16 agosto 2015

Un Agosto di tributi

Dopo tanto tempo mi sono ritrovato a fare due illustrazioni-tributo per un'antologia ed una mostra. Solitamente sono restio ai lavoro gratis, ma siccome le tematiche mi hanno attratto (e non poco), ecco che faccio uno strappo alla regola ed ecco che spuntano un Uomo Salvano e una foto di gruppo dei War Boys. Una volta che viene ufficializzato il tutto, posterò anche qua le due illustrazioni complete di colori e/o con i toni di grigi.

La distruzione del Salvano.

La clava dell'uomo selvatico.

Il tavolo da disegno con la documentazione e l'intrattenimento.

Il marasma dei War Boys.

Dettaglio.

Altro dettaglio.

Alla prossima!


giovedì 6 agosto 2015

Laboratorio di Murales ad Estatissima 2015

Come ogni anno, una parte del centro giovani Ville delle Rose, all'interno dell'iniziativa estiva Estatissima, viene adibita al laboratorio di murales per i bambini dal 6 ai 12 anni. Il laboratorio l'ho organizzato io e qui sopra si può vedere come lo spazio realizzato 2 anni prima sia stato "crossato" dal sottoscritto per fare spazio ai nuovi dipinti di quest'anno.

Qui sotto una panoramica del muro.


mercoledì 29 luglio 2015

#diariodiunmatrimonio

Lo vedete? Lo vedete bene? Il "Diario di un matrimonio", come avevo promesso, è finito.
Dall'ultimo update sul diario ne son successe di cose. Io e la Suri ci siamo sposati (mavà?!), siamo tornati al lavoro, abbiano fatto il viaggio di nozze in Thailandia e siam tornati (abbastanza acciaccati).

Qui si nota che il diario è bello cicciotto. Pieno di disegni, fotografie e ricordi incollati dentro. La nostra creatura è un ibrido di tutte le esperienze di diario precedenti. Un collage di stili, una cozzagli di "faccio come mi pare e mi diverto nel farlo". 

17 giorni fa siamo partiti con un certo tipo di armamentario (lo vedete qui) e siamo tornati con questo qui sopra. Essere liberi di agire come pare e piace è davvero una garzata. Aggiungi e togli a piacimento e l'unica costante è la costanza stessa, quella di documentare giorno per giorno una frazione di un viaggio complesso e ricolmo di input.

Per fare un esempio, qui ho disegnato a linea chiara e acquerellato.

Qui invece la Suri ha fatto le matite ed io ho inchiostrato.

Collage dei biglietti d'ingresso, commenti, appunti e disegni.

Foto stampate con la Socialmatic ed incollate direttamente nel diario.

Foto e disegni.

Foto della Instax Mini 25 e disegni.

Disegno con un tono di colore.

Infine l'ultima parte del diario è dedicato a tutto ciò che abbiamo raccolto e non incollato dentro durante la documentazione.

In effetti, questa parte è stata intitolata "l'angolo dei ricordi".

Ora passeremo alla postproduzione, dove la Suri deve ancora integrare con delle pagine realizzate da le, io devo fare preventivi e capire come impaginarlo ed infine vedere come produrlo con Underkraut & Sketch Crawlers Bolzano.

Per i più curiosi, sul mio instagram ho messo su un pacco di fotografie del viaggio in Thailandia.