domenica 22 luglio 2007

Sull'erotico -Parte 4-


Quarta parte: Alti e bassi di una Cospirazione!
Il settore della pornografia è sempre stato in costante evoluzione mediatica.
Partiamo da un punto significativo per il settore. Esattamente quando i film pornografici venivano ancora proiettati nei cinema specifici. Era un settore prolifico e spesso i produttori erano anche i gestori di quei cinema. I guai con la censura, sostenuti dalle forze dell'ordine, erano all'ordine del giorno. Inizialmente questi personaggi passavano per una sorta di antieroi, di sovversivi, ma comunque amati. I guai aumentarono ed un nuovo mezzo affiorò: il homevideo in VHS.

Pian piano, tutto il cinema porno passò al VHS ed ad una nuova soluzione di distribuzione: direttamente nelle case degli utenti. La produzione aumentò a dismisura e di cosneguenza la qualità delle pellicole si abbassò. Successivamente, verso gli ultimi anni ottanta, il settore pornografico volle fare un nuovo passo: passare dal VHS al CD-rom.

Questo passaggio voleva essere una replica della svolta commerciale avvenuta precedentemente dal cinema al VHS. I primi CD-rom che godettero di una distribuzione su larga scala, furono quelli contenenti materiale pornografico. Questa mossa commerciale non andò molto bene per il settore, ma fu il vero lancio del CD-rom sul mercato e della vera commercializzazione del supporto CD.
Dopo il flop del CD-rom, il settore si spostò in rete, come ben sappiamo. Ora praticamente quasi tutta la pornografia gira in rete.

Se il settore della pornografia è sempre stato al passo con i mezzi mediatici (ovviamente per vendere di più), la qualità dei prodotti si è spaventosamente abbassata. Questo grazie al fatto che sempre più persone possono improvvisarsi dei pornomaker. Il supporto della rete ha creato una miriade di improvvisazioni settoriali. La maggior parte scadenti.

NOTA:
Questa ricerca sui muovimenti dei supporti commerciali della pornografia è stata una causa del mio precedente blocco creativo. Oggi come oggi c'è troppo materiale scadente, inutile e noioso.

Dalla serie:"Una scopata e bsata...".
Non è questo il senso del tutto.

Armin.

4 commenti:

Hannes Pasqualini ha detto...

wow! bella questa! molto più bella delle altre che ho visto di questa serie... forse è per il colore chissà...
comunque si, comprendo bene la tua crisi, se vedi quello che il mercato della pornografia produce è veramente deprimente, ti passa la voglia di fare sesso quasi... :D
d'altronde ti fa anche capire molte cose sulla società in cui viviamo.
e d'altronde nr.2 non è molto diverso da altri ambiti, vedi il manga adolescenziale, certe serie televisive, i film d'azione holliwoodiani ecc...
ovunque la produzione è massiccia le idee interessanti e gli approcci non banali sono una materia rara...

E_Bone ha detto...

Bella illustrazione!..dovresti vederti se non l'hai gia fatto "Autofocus"...e' un bel film e parla di questo piu o meno.

A presto,

E_B

Armin Barducci ha detto...

Come hai ragione Han! :-)

Autofocus mi manca!
Vedrò di recuperare!

Thanks ragazzuoli!
Armin.

CLAUDIO NADER ha detto...

Armin, non ho tempo di leggere il post Ora ma volevo inviarti i miei applausi per la tua gestione del tratto e per la cura grafica. I tuoi lavori mi arrivano addosso con forza. Non ti conoscevo e ho visto qualcosa per il Comicon e il CFaPaz. Molto bello. E qui c'è un botto d'altro.
COMPLIMENTI. Sei potente.

A Presto, tornerò.