giovedì 20 maggio 2010

Il Charlie Brown

Non l'ho mai detto sul blog, ma da questo gennaio sto lavorando in un Centro Giovani.
Le fotografie che vedrete si riferiscono a ieri, quando è stato presentato ufficialmente alla stampa e alle autorità.


Ma che cosa ci faccio in un centro giovani?
Molto.
Inanzitutto il Centro Giovani Charlie Brown (si, è proprio il suo nome), dopo 20 anni di attività, ha cambiato intenti, filosofia, bacino d'utenza ed approccio. Da un normalissimo centro giovani (impiantato in un quartiere considerato critico) ora s'è trasformato in un luogo di aggregazione, progettazione e creazione di arti visive.


I due operatori del centro sono il sottoscritto ed il buon Giacomo. Ambedue specializzati in due ambiti diversi dello stesso ambito: il fumetto.


In questi mesi, io e Giacomo, abbiamo avuto il faticoso compito di ristrutturare, riprogettare, rilanciare, riarredare e riproporre sia esteticamente che filosoficamente il centro giovani. E' un lavoro enorme, soprattutto pensando che le varie attività sul territorio non si sono interrotte (laboratori ed incontri di fumetto in giro per l'Alto Adige).


La ristrutturazione, alla fine, s'è rivelata una bazzecola nei confronti dell'organizzazione dell'ArtMaySound, festival che risulta essere la più grossa iniziativa del centro giovani.


Ora in centro deve volare con le sue ali (le nostre naturalmente) cercando di divenire un punto di riferimento importante di Bolzano per quanto riguarda il fumetto e le arti visive (il bacino d'utenza fa dagli 12 anni in sù).


Beh... che dire alla fine?
Ieri abbiamo avuto la conferenza stampa ufficiale per il festival e per il centro ed il feedback è stato più che positivo.
Per il resto incrociamo le dita.

4 commenti:

sTUDIOpAZZIA ha detto...

Bellisimo lavoro!
Complimenti!

SP

paupau ha detto...

Bellissimo, complimenti

Gianluca Costantini ha detto...

Bravi, sembra proprio un posto dove si sta bene...

Armin Barducci ha detto...

Thanks, è davvero un bel posto (un po caldo la mattina). :-P