sabato 4 gennaio 2014

Il reboot di Misantromorfina

Sto disegnando da un mese buono. Ok, non ho mai smesso, ma è da un po di tempo che non dedicavo del tempo ad un progetto tutto mio e... sorpresa, sorpresa, si tratta proprio di "Misantromorfina". Chi ha seguito questo blog forse se lo ricorda. Era il lontano 2008 e stavo iniziando a disegnare Misantromorfini dopo averla sceneggiata tutta. Poi per una sfortunata combinazioni di eventi molto deludenti vissute nell'ambito dell'editoria nostrana, ho smesso di desiderare di voler pubblicare a tutti i costi e di tornare con i piedi per terra per dedicarmi alla vera disciplina del fumetto: "viverci con questo mezzo". 

Ora ci vivo col fumetto senza farlo nel cosiddetto circuito ufficiale. Sto bene, sto meglio. Ho fatto delle esperienze lavorative ed umane che pochi se le sognano. Non sono morto di gobba sul tavolo da disegna, ma ho viaggiato e ho raccontato il mio vissuto. Man mano è arrivato tutto, gli stimoli persi, le pipe mentali si sono ridotte, le cose del passato sono lontane e poco significanti.
Quindi eccomi qua che torno a disegnare in maniera continuativa.
Disegno sempre ed ovunque.

Chi si ricorda "Misantromorfina" noterà un evidente virata del registro estetico. Ho cambiato tutto a parte la storia. Mi ci trovo meglio, mi riesce meglio, lo sento più mio. Disegno senza paranoie e questo mi porta a rinnovare uno stile di disegno che nel frattempo mi sono dimenticato un po per strada. Quindi il momento è propizio.

Tutto quello che appare nella storia fa riferimento ad ambienti reali ricordati a memoria con degli elementi recenti. Una cosa dove espando la mente e ricreo mondi semi-fantastici.
E con questo basta. Torno a disegnare.




1 commento:

ORACOLO DI ZED ha detto...

bel post, bel blog. Di sicuro ha un suo stile e non il solito.